Streptococco sintomi, infezioni, trattamenti

Comment

Streptococco sintomi
Pubblicità

Streptococco sintomi: i più caratteristici

L’infezione da streptococco mostra sintomi differenti strettamente legati al tessuto dell’organismo popolato dai batteri. Le infezioni streptococciche sono distinte in tre gruppi: lo stato di portatore, i batteri sono presenti nell’organismo dell’uomo senza provocare un’infezione; i casi di infezione acuta sono causati dalla colonizzazione degli streptococchi nei tessuti; le complicanze tardive non suppurative, che si manifestano solitamente dopo circa 2 settimane. Un’infezione streptococcica può diffondersi attraverso i tessuti o attraverso i vasi linfatici raggiungendo i linfonodi regionali. La patologia più comune scatenata dalla diffusione degli streptococchi è la faringite determinata da streptococchi b emolitici di gruppo A, i soggetti colpiti da tale forma di infezione avvertono un quadro sintomatico in cui si evidenzia: gola arrossata, febbre, faringe arrossata, processo infiammatorio delle tonsille che evidenzia anche presenza di placche bianche, ingrossamento dei linfonodi del collo, mal di testa. Nei bambini l’infezione determina nausea, vomito, dolore addominale, linfonodi ingrossati ma possono presentarsi anche convulsioni. A volte alcuni pazienti non avvertono sintomi specifici manifestando febbre e mal di gola, tachicardia, mal di testa, nausea. Gli streptococchi di gruppo A sono anche responsabili di patologie come la tonsillite, la scarlattina, inoltre le infezione di questo gruppo di batteri possono sviluppare delle possibili complicazioni che determinano l’insorgenza di febbre reumatica acuta e di glomerulonefrite post-streptococcica. Altre notizie su Streptococco beta: classificazione e patologie.

Cura antibiotica

streptococco sintomi

streptococco sintomi

Per debellare i casi di infezione da streptococchi b emolitici di gruppo A, rilevati attraverso una coltura del campione delle secrezioni della faringe, viene solitamente prescritta una cura antibiotica per trattare i sintomi e prevenire eventuali peggioramenti. Normalmente l’azione terapeutica consiste nell’assunzione della penicillina, in caso di allergia viene prescritta l’eritromicina, ma il medico potrà anche suggerire altri trattamenti farmacologici a base di cefalosporine, amoxicillina, clindamicina; la penicillina comunque rappresenta il principale farmaco indicato nella cura dell’infezione streptococcica di gruppo A. Il ciclo terapeutico va completato anche se i sintomi risultano attenuati, di solito il trattamento della penicillina richiede una singola iniezione, mentre per altri farmaci, come la clindamicina, la posologia indica un’assunzione più prolungata che può richiedere anche 10 giorni. Maggiori informazioni su Streptococco beta emolitico di gruppo A.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.