Streptococco agalactiae uomo: quando diventa un patogeno opportunista

1 Reply

Streptococco agalactiae
Pubblicità

Streptococco agalactiae uomo: quando va temuto

La numerosa famiglia streptococchi contempla anche dei patogeni, mentre altri batteri possono diventarlo in casi particolari, non vanno poi dimenticati quei microrganismo che adempiono regolarmente ad un ruolo fondamentale per l’organismo come lo streptococco beta emolitico di gruppo B che in condizioni normali è presente nel cavo orale ed anche nell’intestino dell’uomo e degli animali. Ma allo stesso modo lo streptococco beta emolitico di gruppo B può diventare un nemico dell’organismo trasformandosi da commensale a patogeno: questa è la condizione dello Streptococco agalactiae nell’uomo, ad esso vanno attribuite diverse infezioni, le più gravi sono quelle che coinvolgono i neonati. Questi patogeni possono scatenare nell’ospite che colonizzano delle d’infezioni anche gravi, gli streptococchi sono anche responsabili di mortalità fetale, neonatale e materna. Lo Streptococco agalactiae può colonizzare l’uretra dell’uomo ed anche la mucosa genitale della donna il contagio da donna a uomo può avvenire attraverso un rapporto sessuale, ma la trasmissione più preoccupante è quella che avviene  tra madre a nascituro durante la fase del travaglio, dal momento che il suo sistema immunitario è ancora debole e per questo non è in grado di difendersi in maniera adeguata dall’aggressione del patogeno. Maggiori notizie su Streptococco agalactiae: il contagio negli adulti e nei neonati.

Cosa scatena l’infezione streptococcica

Streptococco agalactiae uomo

Streptococco agalactiae uomo

Le tipiche infezioni scatenate dallo Streptococco agalactiae nell’uomo si riassumono in casi di: polmonite, meningite, batteriemia, sepsi, nei neonati possono poi arrecare danni cerebrali gravi ed in alcuni casi causare anche la morte. Lo Streptococco agalactiae all’interno dell’organismo umano può comportarsi da patogeno determinando l’insorgenza di infezioni anche nell’adulto, quindi deve essere tenuto sotto controllo anche al di fuori della fase neonatale, in particolare può dove diventare opportunista in quei soggetti che evidenziano un sistema immunitario profondamente debilitato in questo caso l’infezione streptococcica è responsabile delle stesse patologie anche nei soggetti anziani, nei pazienti immunodepressi, nei soggetti che hanno il diabete o la cirrosi. Ulteriori informazioni si trovano su Streptococco agalactiae b: quali soggetti colpisce.

Pubblicità

1 comment

  1. giacomo

    tre anni fa ho dovuto fare una colonnoscopia in un ospedale e da allora facendo l’esamme delle urine spuntano periodicamente dei batteri faccio l’antibiotico appropriato ibatteri spariscono ma dopo 2,3 mesi ritornano.cosa fare dipiu’?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.