Nuova terapia antibiotica contro i batteri multiresistenti

Comment

Altri articoli
Pubblicità

Nuova terapia antibiotica contro i batteri multiresistenti

Tra le più recenti soluzioni mediche che sono state studiate per combattere la resistenza agli antibiotici, sviluppata principalmente dai batteri Gram-negativi, vi è una nuova terapia antibiotica contro i batteri multiresistenti. I dati preoccupanti resi noti dall’Organizzazione mondiale della sanità continuano ad evidenziare quanto sia critico il problema delle resistenze agli antibiotici a livello internazionale, in particolare in Italia la percentuale di Klebsielle resistenti agli antibiotici di ultima generazione (carbapenemi) resta allarmante visto che supera il 30%. Il fenomeno della resistenza agli antimicrobici (AMR-antimicrobial resistance) ha avuto modo di assumere dei connotati drammatici in ambito sanitario perché le molecole scoperte negli ultimi anni non son state utili per formulare di trattamenti antibiotici efficaci, per questo si è ricorso ai tradizionali antibiotici che spesso vengono prescritti impropriamente. Per combattere i batteri Gram-negativi multiresistenti, compresi quelli resistenti agli antibiotici carbapenemi, è stata messa a punto la terapia antibiotica di Pfizer che prevede la combinazione di ceftazidima e avibactam, si tratta di una terapia innovativa perché rappresenta una nuova opportunità di trattamento che si propone di migliorare le condizioni in cui versa la salute pubblica. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/03/28/news/un_nuovo_antibiotico_contro_i_batteri_multiresistenti-192372687/.

Associazione ceftazidima ed avibactam

nuova terapia antibiotica contro i batteri multiresistenti

nuova terapia antibiotica contro i batteri multiresistenti

L’associazione di ceftazidima ed avibactam rafforza i principi attivi farmacologici, in quanto la molecola avibactam è in grado di incrementare l’azione anti-infettiva della ceftazidima attivando allo stesso tempo una forma di difesa nei confronti delle beta-lattamasi che tendono a rendere la sua azione inattiva. Questa nuova opzione terapeutica per le infezioni da batteri Gram-negativi resistenti, si dimostra una valida soluzione in quanto sfrutta un nuovo antibiotico come l’avibactam, capace di riattivare e potenziare l’azione anti-infettiva di ceftazidima contro i patogeni Gram-negativi. La terapia antibiotica di Pfizer è un trattamento farmacologico fondamentale per le infezioni da batteri Gram-negativi multiresistenti, tra cui quelli resistenti agli antibiotici carbapenemi, con la quale la sanità pubblica cerca di debellare le infezioni batteriche ospedaliere.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.