Malattia interstiziale polmonare: quadro patologico

Comment

Altri articoli
Pubblicità

Malattia interstiziale polmonare: quadro patologico

La condizione patologica dell’interstiziopatia è una malattia nota in campo clinico anche con il nome di malattia interstiziale polmonare,  pneumopatia infiltrativa diffusa, pneumopatia interstiziale o ILD (dall’inglese Interstitial Lung Disease). Questa grave patologia a carico dei polmoni si accompagna ad un processo infiammatorio che interessa l’interstizio polmonare, tale segno si assoccia spesso alla formazione di tessuto cicatriziale; la condizione provoca come sintomo caratteristico la dispnea ovvero la mancanza di respiro. L’interstizio polmonare è il tessuto connettivo interposto tra gli alveoli, in modo da sostenere gli scambi gassosi, inoltre all’interstizio polmonare si appoggiano i vasi sanguigni alveolari, l’epitelio alveolare, la membrana basale e i tessuti perivascolare e perilinfatico. In presenza di danni a carico dell’interstizio polmonare, l’organismo attiva un processo riparativo a causa della continua sollecitazione del sistema riparativo, si registra un inadeguato funzionamento che scarena l’infiammazione dell’interstizio polmonare, successivamente si verifica la sostituzione con del tessuto cicatriziale. L’invasione del tessuto cicatriziale peggiora la funzione alveolare perché gli alveoli finiscono per essere avvolti da un tessuto meno elastico ed ispessito che non è in grado di apportare a livello ematico la corretta quota di ossigeno: gli alveoli sono incapaci di ossigenare il sangue, provocando problemi respiratori. Altre informazioni si trovano su https://www.my-personaltrainer.it/salute-benessere/interstiziopatia.html.

In caso di infezioni

malattia interstiziale polmonare

malattia interstiziale polmonare

L’interstiziopatia può essere causata da diversi fattori che permettono a loro volta di distinguere differenti forme di questa malattia polmonare, tra le possibili eziologie di origine infettiva vengono rilevate alcune infezioni virali, batteriche o fungine. In questo caso la malattia infettiva che provoca interstiziopatia viene identificata con il termine di polmonite interstiziale e tra le condizioni patologiche maggiormente implicate nell’alterazione dell’interstizio polmonare, ci sono i seguenti quadri clinici: tubercolosi, polmonite atipica, polmonite da Pneumocystis jirovecii, clamidia oppure infezione da virus respiratorio sinciziale. Di solito, le interstiziopatie assumono un decorso cronico e di natura irreversibile che non può essere trattato in modo risolutivo, si può semplicemente intervenire sui sintomi, vengono poi prescritte delle terapie farmacologiche in grado di rallentare la progressione della patologia.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.