Infezioni neonatali veicolate dallo Streptococcus agalactiae: fattori predisponenti

Comment

Streptococco agalactiae
Pubblicità

Infezioni neonatali veicolate dallo Streptococcus agalactiae: fattori predisponenti

Destano  particolare attenzione dal punto di vista clinico le infezioni neonatali veicolate dallo Streptococcus agalactiae, questo batterio può trasformarsi da commensale ad opportunista patogeno, scatenando diverse infezioni anche gravi. I soggetti maggiormente esposti all’aggressione da parte di questo batterio sono principalmente i neonati e gli anziani che possono evidenziare casi di meningite, di polmonite, di batteriemia, di sepsi. Lo streptococco beta emolitico di gruppo B può essere trasmesso dalla gestante precedentemente colpita dal focus infettivo al figlio durante il parto, e tra i fattori di rischio che tendono a predisporre verso questo tipo di infezioni bisogna segnalare le seguenti condizioni: nascita pretermine; neonati sottopeso; precedente gravidanza con nascita di un figlio positivo per lo streptococco beta emolitico di tipo B; alterazione della temperatura basale durante il travaglio; rottura delle membrane da più di 18 ore; urinocoltura positiva per lo Streptococcus agalactiae; casi di cervicite e di vaginite nella madre che determina lo sviluppo di corioamnionite ossia processo infettivo della cavità amniotica. Per altre notizie su questo argomento si rimanda alla lettura di Streptococcus agalactiae infezioni neonatali.

Diversi tipi di esordio e sintomatologia

infezioni neonatali veicolate dallo Streptococcus agalactiae

infezioni neonatali veicolate dallo Streptococcus agalactiae

Le infezioni da streptococco beta emolitico di gruppo B nei neonati hanno un esordio precoce se si evidenziano entro la prima settimana di vita, ma possono verificarsi anche casi di esordio tardivo se i sintomi si manifestano nel paziente dopo due-tre mesi dalla nascita. Questo diverso genere di esordio comporta anche un differente quadro patologico ed infatti l’esordio precoce dell’infezione si evidenzia quando lo streptococco beta emolitico di gruppo B si diffonde per via ematica determinando una forma di setticemia associata a polmonite la cosiddetta sindrome polmonare acuta; nel caso di infezioni neonatali veicolate dallo Streptococcus agalactiae che si attivano con esordio tardivo si attiva nel giovane paziente setticemia causata dall’attacco streptococcico a cui segue l’insorgenza di meningite.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.