Glomerulonefrite acuta: GNA post-streptococcica

Comment

Streptococco beta emolitico
Pubblicità

Glomerulonefrite acuta: GNA post-streptococcica

Tra i diversi agenti infettivi che possono provocare la comparsa della glomerulonefrite acuta, il patogeno più comune è lo streptococco b-emolitico gruppo A (SBEGA) responsabile del quadro clinico della GNA post-streptococcica. Più  precisamente solo alcuni tipi di streptococco possono determinare la GNA che può evidenziarsi a partire dalla faringite acuta streptococcica, possono registrarsi anche delle forme con localizzazione dello streptococco sulla cute, quindi la glomerulonefrite acuta risulta essere associata alla faringite ed alla piodermite ed in rari casi ad un tipo di eziologia di tipo epidemico. Ancora non si conosce il meccanissmo d’azione messo in atto dell’agente infettivo a livello renale, anche se si ipotizza che la lesione renale causata dalla glomerulonefrite acuta post-streptococcica sia da ascrivere alla presenza di depositi di IgG e di C3 all’interno del glomerulo, implicando la diretta influenza di complessi immuni, non è noto invece se le lesioni infiammatorie che si riscontrano a livello glomerulare siano dovute a complessi immuni circolanti oppure a complessi che si formano localmente. In ambito medico si ritiene verosimile che gli antigeni streptococcici con affinità per le strutture glomerulari si localizzano nel glomerulo durante la fase precoce dell’infezione streptococcica a partire da una risposta immune dell’ospite, successivamente l’anticorpo si attacca all’antigene ossia all’endostreptosina, una proteina che si ritrova nei ceppi nefritogeni, dotata di attività streptochinasica, che funge da legante per la plasmina.

Microematuria sintomo centrale della patologia

glomerulonefrite acuta

glomerulonefrite acuta

La prognosi della GNA post-infettiva risulta nella maggior parte dei casi benigna, visto che nel corso della compromissione renale acuta si risolve, ma talvolta il pazente può manifestare microematuria anche fino ad 1-2 anni dalla comparsa del quadro clinico: è possibile riscontrare una ripresa dell’ematuria macroscopica in seguito all’episodio acuto; questa forma di glomerulonefrite acuta in rari casi può determinare la formazione di lesioni renali severe che possono provocare l’insufficienza renale cronica oppure possono causare lo sviluppo della sindrome nefrosica. Per debellare lo streptococco è necessario seguire una terapia farmacologica a base di antibiotici somministrati per via orale, in presenza di insufficienza renale, ipertensione arteriosa, edemi, viene impostata una terapia sintomatica di supporto.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.