• Pubblicità
  • Il quadro clinico della schistosomiasi

    Il quadro clinico della schistosomiasi Un tipo comune di infezione da trematodi come la schistosomiasi (o bilharziosi) è causata da elminti trematodi del genere Schistosoma che scatenano possibili condizioni patologiche a carico dell’intestino, dopo aver contratto il focus infettivo nuotando o bagnandosi in acqua dolce contaminata dai platelminti. L’infezione è tipica delle regioni tropicali e […]
    Continua..
  • Infezioni batteriche del cavo orale: actinomicosi

    Infezioni batteriche del cavo orale: actinomicosi In presenza di danni a carico della mucosa orale possono sorgere diversi tipi di infezioni di origine batterica tra cui il focus infettivo scatenato dagli actinomiceti responsabili di casi di actinomicosi. I soggetti maggiormenti esposti a questo genere di infezioni sono coloro che risentono di un sistema immunitario debilitato, […]
    Continua..
  • Pirogeni e batteri

    Pirogeni e batteri Alcuni batteri producono pirogeni che detti endotossine ed esotossine, si tratta di tossine in grado di oltrepassare la barriera ematoencefalica raggiungendo l’ipotalamo e stimolando l’aumento della temperatura. Le sostanze che possono provocare l’innalzamento della temperatura corporea possono essere interne oppure esterne all’organismo, si distinguono in questo modo le sostanze presenti nell’organismo (pirogeni […]
    Continua..
  • Nuova terapia antibiotica contro i batteri multiresistenti

    Nuova terapia antibiotica contro i batteri multiresistenti Tra le più recenti soluzioni mediche che sono state studiate per combattere la resistenza agli antibiotici, sviluppata principalmente dai batteri Gram-negativi, vi è una nuova terapia antibiotica contro i batteri multiresistenti. I dati preoccupanti resi noti dall’Organizzazione mondiale della sanità continuano ad evidenziare quanto sia critico il problema […]
    Continua..
  • Streptococchi lattici e fermentazione lattica

    Streptococchi lattici e fermentazione lattica Il ceppo batterico degli streptococchi include anche dei membri non patogeni, come nel caso degli streptococchi lattici impiegati per la preparazione di alcuni alimenti, come i derivati del latte (yogurt e formaggi). Lo Streptococcus thermophilus ad esempio è una specie di batterio lattico comunemente usato per la preparazione di colture […]
    Continua..
  • Attività emolitica degli streptococchi

    Attività emolitica degli streptococchi Nella classificazione degli streptococchi in specie patogene e non si è presa in considerazione l’attività emolitica degli streptococchi, una qualità posseduta da questa specie di batteri e che consiste nella loro capacità di rompere i globuli rossi, una caratteristica che è stata esaminata attraverso esami approfonditi in laboratorio utilizzando piastre di […]
    Continua..
  • Come si manifesta la febbre bottonosa del Mediterraneo

    Come si manifesta la febbre bottonosa del Mediterraneo Nell’elenco delle rickettiosi viene inclusa la febbre bottonosa del Mediterraneo, da scrivere alla Rickettsia conorii ma anche ad altre rickettsie. Le rickettsiosi sono un gruppo di febbri dalla componente esantematiche, che si sviluppano a partire da rickettsie, batteri trasmessi da zecche dure, tra le rickettiosi trasmesse da […]
    Continua..
  • Moraxella catarrhalis focus infettivi

    Moraxella catarrhalis focus infettivi Tra i batteri diplococchi gram-negativi responsabili di infezioni negli uomini, il Moraxella catarrhalis può causare occasionalmente focus infettivi a carico del tratto respiratorio, dell’orecchio medio, del SNC e delle articolazioni. In microbiologia, il diplococco è un batterio a forma di sfera con morfologia a catenelle a due a due, si tratta […]
    Continua..
  • Porphyromonas gingivalis e carcinoma a cellule squamose dell’esofago

    Porphyromonas gingivalis e carcinoma a cellule squamose dell’esofago Alcune ricerca hanno posto l’attenzione sulla relazione tra alcuni batteri in bocca e lo sviluppo di tumori come nel caso dello studio che ha evidenziato la presenza di Porphyromonas gingivalis nell’epitelio esofageo dei pazienti con carcinoma a cellule squamose dell’esofago. Diversi studi sono giunti alla conclusione che […]
    Continua..